Limiti

Come facciamo a capire dove stanno i limiti?
Dove finisco io e cominci tu? Cosa posso e non posso? Cosa devo?
Difficile stabilire una regola che valga in generale. Forse i limiti si estendono più o meno in relazione alla dimensione in cui si pongono.
Considerando che potrebbero esistere qualcosa come 26 dimensioni, posso ammettere che ci si confonda facilmente. Continua a leggere

Tecnoavanzati?

Nel futuro che ci attende la tecnologia farà sempre più la parte del padrone,
si crederà più ai chips che al cervello,
i rapporti umani saranno ridotti all’osso e verranno evitati nel limite del possibile,
la verità sarà quello che le macchine dicono…

Non siamo molto lontani da questo mondo.

L’Italia in 9 parole

Se tu non hai rispetto,
perchè io devo averlo?

Once upon a time…

Quanti anni sono passati?
Dove sono andati?
Sembra un’eternità… un’altra vita.

Eppure ci ripenso e ripensandoci rivivo quei momenti felici e spensierati. Momenti nei quali non si trova traccia di dubbi, problemi, incertezze, c’è solo vita, vita allo stato grezzo.
Quando si è piccoli il mondo è tutto colorato in tinte pastello. Vorrei potermi non scordare mai di ogni singolo dettaglio.

Tempi che non torneranno.

Giusto così.

Continua a leggere

Articolo lungo (parte I)

13:38

Questo nasce per essere un articolo lungo.
Ancora ignoro cosa ne uscirà alla fine. Quello che mi propongo di fare, è una specie di flusso di pensiero, come il vecchio Joyce sapeva fare bene.
In realtà questo esperimento potrebbe (probabilmente) essere una grande fesseria, ma visto che sono già alla quinta riga, continuiamo a ballare.
Di cosa parlare in un articolo lungo? Non saprei da dove iniziare, ci sono così tante cose che meriterebbero attenzione…
Comincio con una bella interruzione. Continua a leggere

Pensiero d’evasione

Oltre il vetro del mio ufficio, oggi riesco a vedere limpidissimo il Campo dei Fiori di Varese.
In giornate come questa, con un azzurro così intenso e solo qualche nuvola nel cielo, sembra di avere la montagna a portata di mano. Gli alberi illuminati dal sole, le rare costruzioni, i cui tetti rompono la monotonia marrone del fogliame, le rocce col loro grigio scuro e tutti i sentieri, sembrano invitarmi a raggiungeli, una promessa di tranquillità e serenità.

Dovrò deluderli. Ma come sarebbe bello entrare in quel quadro e fondersi col tutto… anche solo per un momento…

Chi ben comincia…

… è a metà dell’opera?

Potrebbe essere… Però “iniziare” non è poi così semplice ed è proprio in questa fase, nel cominciare appunto, che si potrebbero incontrare difficoltà da non sottovalutare. Continua a leggere

Evoluzione

Riprendo un articolo che scrissi nel lontano Dicembre 2008 e che mi è capitato di rileggere ora, nel mezzo della riorganizzazione di tags e categorie.
L’ho trovato interessante.

E’ strano come l’uomo in definitiva sia in balia delle dinamiche che lui stesso crea.
Dietro la maschera?Una visione di insieme precisa ed accurata dei pensieri dei singoli rivelerebbe l’estrema semplicità di quello che sembra essere un’unica grande contraddizione comune.
Non credo sarà mai possibile scindere le componenti del pensiero umano, ma ciò non preclude la possibilità che siano intuite.
Di qui le tattiche interpretative, le opinioni e i giudizi. Che generano maschere, gabbie e insicurezze.
L’insicurezza. Si potrebbe pensare che le dinamiche ne siano il risultato.
Se tutti avessero sicurezze assolute, non si avrebbero maschere ne complessi. Sarebbe una guerra continua, senza quartiere. Continua a leggere

Zuppappero

Ci sono momenti in cui è inutile interrogarsi sui motivi o sulle cause, sul perchè e sul percome, su cosa si è fatto e su cosa invece si sarebbe potuto o dovuto fare. Fermatevi un attimo, prendete fiato ed esclamate serenamente:

‘MA NO, MA CHE SFIGA!’

Purtroppo capita a tutti di tanto in tanto ma passa in fretta e non si ripresenta per più di 6-7 volte in un anno perciò non è il caso di prendersela. Rideteci su che è già passata!

Brutte sensazioni

E’ strano come preferisca tenermi i problemi che posso risolvere allo scopo di posticipare l’insorgere dei problemi a cui temo di non poter dare soluzione.
Il vento del cambiamento sta soffiando?
E’ tempo di capire.