Giovedì della GIÖBIA

Nella Varese di un tempo, la festa della Giöbia era una ricorrenza molto sentita, simile all’attuale festa della donna.

Per l’occasione le donne di ogni età si riunivano a cenare allegramente con le amiche, senza gli uomini, che nel frattempo organizzavano loro numerose burle ed erano ammessi solo “puscéna” (dopo cena) e portavano in dono alle amate un dolce a forma di cuore: ul cör.

Un riconoscimento offerto alle donne per il lavoro svolto a favore della famiglia e della loro capacità di sostituire gli uomini in tutte le attività agricole , durante i mesi in cui lavoravano a salario, lontani da casa.

La festa ha un’antica tradizione di origine precristiana e cadeva dopo la sosta di pieno inverno segnando così la partenza degli uomini che tornavano ai cantieri e alle fabbriche. In età medioevale alla Giobia è stata associata la sembianza umana, spesso quella di una vecchia o di una strega. Ancora oggi viene celebrata in molti comuni con il rogo di un pupazzo simboleggiante una donna anziana per esorcizzare le forze negative dell’inverno e propiziare l’avvento della primavera.
Questa antica tradizione è stata tramandata fino ai giorni nostri dalla “Famiglia Bosina”, che nell’occasione premia il Poeta Bosino, e da pasticceri e panettieri che preparano dolci a forma di cuore.

Sparami

Stamattina la sveglia ha interrotto il mio sonno agitato con una canzone appropriata.

“… passerà quest’anno nero, come sono passati gli altri…”

Sarà vero? Qui gli anni passano e i problemi rimangono!
Giusto ieri sera guardavo il telegiornale e mia moglie mi fa: “Sai una cosa? Se uno fosse andato in coma 5 anni fa e si fosse svegliato oggi, non troverebbe cambiamenti”.

Come darle torto? Riassumendo:
– il governo è in crisi e continua a prendere in giro tutti (a partire dalla legge elettorale per arrivare alle tasse che “…abbiamo diminuito le tasse!!… anzi no, dobbiamo raddoppiarvele, scusate…”)
– l’Italia è a pezzi, non cade solo perchè non sa da che parte cadere,
– Berlusconi è costantemente al centro di ogni TG, sembra esserne ormai parte fondamentale, al pari della sigla o dell’immancabile tragedia famigliare,
– chiunque di qualsiasi parte politica si dice più che superiore rispetto agli altri e in grado di raddrizzare l’Italia in un battibaleno,
– siamo ancora dietro ad Amanda Knox e Meredith Kercher (cosa veramente ridicola…).

Basta? Beh, mi aspetto di sentire nei prossimi giorni notizie su nuovi disordini in Val di Susa…

5/120… ma l’indonesiano tira!

Italia al quinto posto

Quindi su WP esistono più blog in lingua indonesiana che in lingua italiana… non me l’aspettavo proprio.

__________

Piccola aggiunta.
Appena dopo aver pubblicato il post apro una pagina a caso di WIRED sul web  e cosa ci trovo? Indonesiani ovunque!
A quanto pare, infatti, un sondaggio pubblicato Febbraio scorso, indica come l’INDONESIA sia il posto più contento al Mondo. E non è finita qui… secondo Ipsos Global, dopo aver intervistato gli abitanti di 24 paesi, l’intero mondo è più felice rispetto al 2007.

L’articolo completo lo trovate qui, ma prima di farlo… non vorreste sapere a che punto è l’Italia in questa classifica????
Non è difficile da indovinare… gli italiani intervistati attestano il Belpaese ad un desolante quint’ultimo posto. Questo a Febbraio…

Ecco la classifica finale:

  1. Indonesia
  2. India
  3. Messico
  4. Brasile
  5. Turchia
  6. Australia
  7. U.S.A.
  8. Canada
  9. Argentina
  10. Gran Bretagna
  11. Arabia Saudita
  12. Sud Africa
  13. Svezia
  14. Cina
  15. Belgio
  16. Germania
  17. Giappone
  18. Francia
  19. Polonia
  20. Italia
  21. Spagna
  22. Russia
  23. Sud Corea
  24. Ungheria

Pentacisdodecaedro

giorno 314*

Ecco un’altra “scoperta” per la quale dobbiamo ringraziare il geocaching 🙂

In geometria solida il pentacisdodecaedro è uno dei tredici poliedri di Catalan, duale dell’icosaedro troncato.
Può essere ottenuto incollando piramidi pentagonali su ognuna delle 12 facce del dodecaedro.
È un poliedro non regolare, le cui 60 facce sono identici triangoli isosceli aventi un lato che misura
9-√5/6 volte gli altri due.

Area e volume
L’area A ed il volume V di un pentacisdodecaedro i cui spigoli più corti hanno lunghezza “a” sono le seguenti:

            A=5/3√ 1/2(421+63√5)a²
V= 5/36(41+25√5)a³

Simmetrie
Il gruppo delle simmetrie del pentacisdodecaedro ha 120 elementi; il gruppo delle simmetrie che preservano l’orientamento è il gruppo icosaedrale . Sono gli stessi gruppi di simmetria del dodecaedro, dell’icosaedro e dell’icosaedro troncato.

Altri solidi
I 30 spigoli più lunghi del pentacisdodecaedro e i 20 vertici in cui essi concorrono, ovvero i vertici con valenza 6, sono spigoli e vertici di un dodecaedro. Gli altri 12 vertici del pentacisdodecaedro sono vertici di un icosaedro.

Ora che è tutto chiaro…. provate a ripetere “pentacisdodecaedro” 5 volte di fila!!! hihi

Le ghiacciaie di Cazzago

giorno 335*

Cazzago Brabbia, ridente località sul lago di Varese, è famoso per le sue ghiacciaie (cunsèrt) costruite alla fine del 1700. Queste appartenevano ai pescatori ed erano utilizzati per conservare il ghiaccio che veniva tolto dal lago durante i periodi più freddi dell’anno.

Dal terrazzamento della chiesta si gode di un’ottima vista e visitare il lago costa solo pochi passi. E’ possibile anche visitare, nel vicino paese di Inarzo, la Palude Brabbia, una riserva naturale gestita dalla LIPU (Lega Italiana Protezione Uccelli) che organizza vari eventi interessanti per i bambini durante tutto l’anno.

Questo è uno dei tanti posti scoperti per merito di geocaching 🙂
Ovviamente, cache trovato!

L’Italia in 9 parole

Se tu non hai rispetto,
perchè io devo averlo?

Pensiero d’evasione

Oltre il vetro del mio ufficio, oggi riesco a vedere limpidissimo il Campo dei Fiori di Varese.
In giornate come questa, con un azzurro così intenso e solo qualche nuvola nel cielo, sembra di avere la montagna a portata di mano. Gli alberi illuminati dal sole, le rare costruzioni, i cui tetti rompono la monotonia marrone del fogliame, le rocce col loro grigio scuro e tutti i sentieri, sembrano invitarmi a raggiungeli, una promessa di tranquillità e serenità.

Dovrò deluderli. Ma come sarebbe bello entrare in quel quadro e fondersi col tutto… anche solo per un momento…

Il cielo d’Irlanda stamattina era sopra Varese.
Grigio e nuvoloso, rapido e mutevole di scrosci d’acqua improvvisi.
Con quei buchi pieni di sole che illuminano parti di lago e di montagne e che fanno il verde più verde.
Uno spettacolo di colori che scivolano veloci!!

Bormio sulla neve :D

Direi che le foto si commentano da sole…
Solo un paio di chiavi di lettura diverse:
– Notare la faccia di Valu a inizio giornata, mezzogiorno, pranzo e infine sulla cabina di discesa… A bocca aperta
– Alla facciazza dei meteorologi porta jella! Beccatevi sta giornatina!!
– … ma poi che confusione sulle piste… oltre a noi due ci saranno state altre 10 persone in tutto!! Linguaccia
Beh ragazzi… la prossima volta che si organizza una sciata abbiate + fiducia eheh… almeno ora non stareste li a sbavare mordendovi il fegato Animoticon