Perchè sei vivo? Per sentire.

He Wishes for the Cloths of Heaven

Had I the heaven’s embroidered cloths,
Enwrought with golden and silver light,
The blue and the dim and the dark cloths
Of night and light and the half-light,

I would spread the cloths under your feet:
But I, being poor, have only my dreams;
I have spread my dreams under your feet;
Tread softly because you tread on my dreams.

William Butler Yeats

Egli desidera il tessuto del cielo

Se avessi il drappo ricamato del cielo,
Intessuto della luce dell’oro e dell’argento,
I drappi dai colori chiari e scuri del giorno e della notte
Dai mezzi colori dell’alba e del tramonto,

Stenderei quei drappi sotto i tuoi piedi:
Ma io, essendo povero, ho soltanto sogni;
Ed i miei sogni ho steso sotto i tuoi piedi;
Cammina leggera, perché cammini sui miei sogni.

Annunci

neve

il rumore della neve che cade tra gli alberi è magico
da soli in mezzo ad un bosco
durane una nevicata
una bella nevicata
il silenzio che avvolge tutto col suo mano delicato
la sensazione che non esista più nulla se non il tempo stesso
il pallido biancore che si diffonde in ogni cosa e intacca il cielo, l’aria
e tu nel mezzo.. e piano piano sempre più dentro, sempre più bianco
è allora che tutto ha un senso
il senso delle cose
la pace dei sensi e delle emozioni
il rumore della neve che cade tra gli alberi è magico

MemoriEs

Angelo

Un’Antica luce risplende di nuova vita,
inarrestabile avanza nel caos.
Non da un senso al tutto,
ma il tutto in Poyel trova senso.

Splendido rubino appassionato
tanto irraggiungibile quanto desiderato.
Il tuo fuoco nella mia testa,
la tua aniMa come un fiocco di seta

Dolce ricordo come fenice riemergi
e divampa ormai un calorE assopito;
sei frutto di azioni ormai passate
e nel passato rimarrai confinato.

Irrimediabilmente perduta,
dimori dietro le palpebre.
Immortale meCcanismo,
in me, non conoscerai mai fine!

…e il Mondo si fermò per un istante…

Def: Pausa

… ad osservare ammirato la caduta di un sogno
e la rinascita di quella solitudine
che tanto ama quanto disprezza.
Solo, in mezzo a un Universo di pensieri
non gli resta che aspettare
di incontrare la cometa,
portatrice di luce propria,
che tracci la via nell’oscurità
e che dia un senso al girare infinito.

Un modo per vivere

“Lavora come se non avessi bisogno dei soldi

Ama come se nessuno ti abbia mai fatto soffrire.

Balla come se nessuno ti stesse guardando.

Canta come se nessuno ti stesse sentendo.

Vivi come se il Paradiso fosse sulla Terra.”

L’infinito

Sempre caro mi fu quest’ermo colle,
E questa siepe, che tanta parte
De l’ultimo orizzonte il guardo esclude.
Ma sedendo e mirando, interminato
Spazio di là da quella, e sovrumani
Silenzi, e profondissima quiete
Io nel pensier mi fingo, ove per poco
Il cor non si spaura. E come il vento
Odo stormir tra queste piante, io quello
Infinito silenzio a questa voce
Vo comparando: e mi sovvien l’eterno,
E le morte stagioni, e la presente
E viva, e’l suon di lei. Così tra questa
Infinità s’annega il pensiero mio:
E’l naufragar m’é dolce in questo mare.

(G. Leopardi, 1819)

Ode to the West Wind (I)

O wild West Wind, thou breath of Autumn’s being,
Thou, from whose unseen presence the leaves dead
Are driven, like ghosts from an enchanter fleeing,

Yellow, and black, and pale, and hectic red,
Pestilence-stricken multitudes: O thou,
Who chariotest to their dark wintry bed

The winged seeds, where they lie cold and low,
Each like a corpse within its grave, until
Thine azure sister of the Spring shall blow

Her clarion o’er the dreaming earth, and fill
(Driving sweet buds like flocks to feed in air)
With living hues and odours plain and hill:

Wild Spirit, which art moving everywhere;
Destroyer and preserver; hear, oh hear!

(P.B. Shelley)

Nuvole

Nuvole

I wandered lonely as a cloud
That floats on high o’er vales and hills,
When all at once I saw a crowd,
A host, of golden daffodils;
Beside the lake, beneath the trees,
Fluttering and dancing in the breeze.

(W.Wordsworth)

Hallelujah

Now I’ve heard there was a secret chord
That David played, and it pleased the Lord
But you don’t really care for music, do you?
It goes like this
The fourth, the fifth
The minor fall, the major lift
The baffled king composing Hallelujah
Hallelujah
Hallelujah
Hallelujah
Hallelujah

Your faith was strong but you needed proof
You saw her bathing on the roof
Her beauty and the moonlight overthrew her
She tied you
To a kitchen chair
She broke your throne, and she cut your hair
And from your lips she drew the Hallelujah

Hallelujah, Hallelujah
Hallelujah, Hallelujah

You say I took the name in vain
I don’t even know the name
But if I did, well really, what’s it to you?
There’s a blaze of light
In every word
It doesn’t matter which you heard
The holy or the broken Hallelujah

Hallelujah, Hallelujah
Hallelujah, Hallelujah

I did my best, it wasn’t much
I couldn’t feel, so I tried to touch
I’ve told the truth, I didn’t come to fool you
And even though
It all went wrong
I’ll stand before the Lord of Song
With nothing on my tongue but Hallelujah

Hallelujah, Hallelujah
Hallelujah, Hallelujah

(Leonard Cohen)