Policoincidenze

L’altro giorno in pausa pranzo, spulciando le notizie su FB, sono incappato in una strana caccia al tesoro promossa dal Politecnico di Milano in occasione dei suoi 150 anni di storia. Cosa curiosa, ho pensato, che mi fa tornare alla mente il mio geo-passatempo preferito :).

Ho approfondito.
Si trattava di una vera caccia al tesoro con tanto di indovinelli (sulla storia e sulle informazioni legate al Poli) che conduceva i partecipanti in un tour per Milano. Hanno mandato anche un servizio sul TG3…
Dev’essere stato divertente ma per me è stato solo lo spunto per ripensare a quei tempi passati… malinconia a go-go…

Passato il momento, ricomincio a lavorare. Passano 4 ore e ricevo una chiamata dal boss che mi chiede di andare con urgenza a Milano per recapitare della merce campionaria urgente.
“OK” gli dico, “Quando devo partire? A che indirizzo devo trovarmi?”
“Parti il prima possibile, devi andare in Via XXX”

E’ a questo punto che il fedele Google Maps mi informa quanto sia vicina la mia meta al Poli… azz, magari una capatina…

E’ stato come rivedere un vecchio amico… le luci della sera illuminavano le strutture dandogli quell’aura mistica, e quanti ricordi affollavano la mente. Sensazioni incredibili, difficili da descrivere; quando sono entrato in aula, con la lavagna piena di geroglifici mi è venuta la pelle d’oca. E’ stato straordinario rivedere quei posti con gli occhi della memoria!

Annunci

Sparami

Stamattina la sveglia ha interrotto il mio sonno agitato con una canzone appropriata.

“… passerà quest’anno nero, come sono passati gli altri…”

Sarà vero? Qui gli anni passano e i problemi rimangono!
Giusto ieri sera guardavo il telegiornale e mia moglie mi fa: “Sai una cosa? Se uno fosse andato in coma 5 anni fa e si fosse svegliato oggi, non troverebbe cambiamenti”.

Come darle torto? Riassumendo:
– il governo è in crisi e continua a prendere in giro tutti (a partire dalla legge elettorale per arrivare alle tasse che “…abbiamo diminuito le tasse!!… anzi no, dobbiamo raddoppiarvele, scusate…”)
– l’Italia è a pezzi, non cade solo perchè non sa da che parte cadere,
– Berlusconi è costantemente al centro di ogni TG, sembra esserne ormai parte fondamentale, al pari della sigla o dell’immancabile tragedia famigliare,
– chiunque di qualsiasi parte politica si dice più che superiore rispetto agli altri e in grado di raddrizzare l’Italia in un battibaleno,
– siamo ancora dietro ad Amanda Knox e Meredith Kercher (cosa veramente ridicola…).

Basta? Beh, mi aspetto di sentire nei prossimi giorni notizie su nuovi disordini in Val di Susa…

Titolo

Il bello di accedere al proprio blog sono una volta ogni morte di Papa è che cambiano sempre tutte le impostazioni… che felicità.

Stamattina andando al lavoro, complice una email notifica, mi è tornato alla mente questo spazio (inutilizzato) e ho pensato di usarlo modi “pensiero del giorno”. L’idea è quella di scrivere 2 righe ogni mattina (beh… non proprio ogni mattina… facciamo una si e 3 no…) prima di andare al lavoro.

Qui l’ho dichiarato… spero di non venire meno alla parola per almeno 20 minuti 😛